La ricetta dei pomodorini arrostiti che cercano tutti

//La ricetta dei pomodorini arrostiti che cercano tutti

La ricetta dei pomodorini arrostiti che cercano tutti

Questa ricetta è stata realizzata in collaborazione con Weber Italia

A niente ci si assuefà come alle abitudini, se poi parliamo di buon cibo, non ne veniamo più fuori.

Il contagio è iniziato sui Social, teglie imperlate di bocconcini rossi in ogni dove, qualcuno ha persino pensato di appendere le costine al muro e diventare vegetariano. La verità è che i pomodorini arrostiti sono stupefacenti, nel senso che causano dipendenza.

Ce lo chiedono in tanti, che diavolo è ‘sta #drogarossa? E come si prepara?

Vi accontentiamo subito.

Gli ingredienti

Vi servono:

  • I pomodorini Pachino più buoni del mondo (varietà ciliegino insomma)
  • un po’ di zucchero di canna grezzo
  • l’olio extravergine di oliva più gustoso che riuscite a trovare
  • tabasco q.b.
  • alcune gocce di salsa Worcestershire
  • una stilla di aceto di mele (meglio se barricato)
  • sale
  • pepe nero

Procedimento

Semplicissimo, potreste farlo anche bendati.

  1. Prendete una leccardina monouso e sistemate i pomodori, non asportate rami e peduncoli, mi raccomando.
  2. Irrorate generosamente con l’extravergine, condite con sale, pepe e zucchero di canna, spruzzate alcune gocce di Worcestershire, aceto e tabasco.
  3. Metteteli in cottura indiretta a calore feroce e lasciateli letteralmente *esplodere* per una mezz’oretta.

Sono buonissimi anche così, da piluccare come fossero ciliegie, ma potete condirci la pasta, adagiarli sulle bruschette o farcire un hamburger.

Conservazione

Conservateli in un barattolo senza dimenticare di rabboccare il liquido che resterà nella teglia, in parti uguali, in base al numero di contenitori che riempirete. Colmate il barattolo con acqua bollente, aggiungete alcune foglie di basilico e chiudete il coperchio. Lasciate raffreddare, riponete in frigorifero e consumate entro qualche giorno.

Un morso a questi pomodorini avrà lo stesso effetto di un proiettile che deflagra nel cranio, una volta assaggiati non riuscirete più a smettere.

Bene, la ricetta ve l’abbiamo data, ora ci fate vedere come l’avete ralizzata? Andiamo, postate una foto e aggiungete l’hashtag #drogarossa, non siate timidi.

By | 2017-09-29T13:53:16+00:00 21 luglio 2017|Ricette, Verdure|

About the Author:

Autore del Best Seller "Diventare Grill Master", è fondatore di BBQ4All e mentore del movimento barbecue italiano.
  • Raffaele Coppola

    E se uno vorrebbe farlo nel forno di casa?? Che tempi e a quanti gradi ???

  • Fabio

    E la carta forno che si intravede nella foto? Dove sta la carta forno? … 😥

  • Giovanni R (Balo)

    Molto interessante!! Vedendo il video la teglia copre quasi del tutto la griglia. Rimane indiretta con cerchio di braci oppure in realtà può essere messa anche sopra alle fiamme, tanto c’è appunto la teglia?

Send this to a friend