Questa ricetta è stata realizzata in collaborazione con Weber Italia

Prime rib roast uguale potenza gustativa ai massimi livelli. Crosta pepata e croccante, carne tenera cotta a lungo, sfiorata dal calore. Tecnica, bassa temperatura per ore, scelta di una grande carne. Questi, i parametri fondamentali senza i quali non si ottiene mai il risultato sperato.

Che cos’è

Prime rib significa costata intera con l’osso, ben marezzata, frollata all’estremo. Uno dei tagli più succulenti e gustosi del manzo. Si cuoce intero, molto a lungo, leggermente affumicato e custodito in una crosta piccante, sapida e profumatissima.

Come si prepara

Arrostire un Prime Rib è complicato senza una profonda conoscenza tecnica. Al contrario, come già detto, conoscere gli effetti del calore sulla carne e possedere a un dispositivo di cottura idoneo ti porterà ad una delle più sconvolgenti esperienze gustative della tua vita.
Un kettle a carbone, caricato a bricchette di carbonella compressa, un ter-mometro, una manciata di legno di noce americano è la tua dotazione mini-ma.
Scegliere la carne giusta è fondamentale. Ben frollata, ben marezzata, lasciata a temperatura ambiente per un’ora o due prima di entrare nel grill.
La crosta è un misto di spezie a base di pepe nero macinato al momento, aglio in polvere, origano in polvere, sale e farina che la ricopre per intero.
La cottura è lunga, la temperatura molto bassa. Il kettle dovrà essere stabilizzato sui 130°C~140°C. Il tempo di cottura non esiste: sarà cotto quando la temperatura interna raggiungerà i 57°C~58°C. Potrebbero volerci quattro, cinque o anche sei ore. Dipende dalla frollatura, dalla dimensione del pezzo e da mille altri fattori. Il risultato, però, ti lascerà senza parole, ripagandoti della grande fatica.

Tips

L’affumicatura del pezzo di carne dev’essere effettuata in modo leggero e continuato. Una rarefatta nuvola di fumo di hyckory dovrà avvolgere la carne per tutto il tempo di cottura. Il riposo successivo è fondamentale. Sentirai spesso dire che il riposo serve a “ridistribuire i succhi all’interno”: non è vero. E’ solo una leggenda che non vuole scomparire. Il riposo serve ad abbassare la temperatura della carne. A temperature inferiori ai 40°C, i liquidi interni -semplicemente- in parte solidificano e diventano più viscosi. Maggiore viscosità, maggiore attrito, minore probabilità di fuoriuscita, estrema succulenza.

[Crediti | Link: Weber Italia]

Grill & Smoke to Perfection. Il percorso per imparare la cucina alla griglia con il Metodo BBQ4All.
Uno step alla volta, con il supporto diretto dei Coach della GLC Academy.

INFO CORSO QUI