17 pretesti alla moda, triti e ritriti, per non avere un kettle

//17 pretesti alla moda, triti e ritriti, per non avere un kettle

17 pretesti alla moda, triti e ritriti, per non avere un kettle

Questo post è stato realizzato in collaborazione con Weber Italia

Accade, ma non sempre per fortuna. Neanche spesso, a dire la verità.

Quando iniziai ad appassionarmi al fuoco e alle griglie, per esempio, non ho mai avuto esitazioni: era una grande passione e avevo la forte convinzione di volerla coltivare. E l’ho fatto. In tutti questi anni, ho cercato di condividere questa terribile “malattia” con coloro che come me, ne mostravano evidenti segni di contagio.

In dieci anni di vita di BBQ4All ho parlato con alcune migliaia di appassionati, che si sono subito divisi in due grandi macro categorie: quelli che sono diventati parte integrante del gruppo e quelli che sono sempre rimasti “spettatori” (lasciatemi passare il termine) passivi. In realtà ci sarebbero anche altre categorie quali acciarini di pirite, fuochi di paglia ed FF.DD (fàmo-fàmo/dìmo-dìmo) ma questa è un’altra storia…

Ormai è chiaro per tutti: possedere un kettle a carbone è il primo passo, indispensabile, per percorrere il sentiero che porta alla via del barbecue. Dico davvero, tutti lo sanno ma moltissimi, pur definendosi appassionati, non sono ancora riusciti a fare il passo decisivo, cioè acquistarlo. Si son persi in mille ragioni che, secondo loro, erano più importanti della loro passione.

Io non sono mai riuscito a capire fino in fondo i motivi o le scuse che li hanno condizionati al punto da inattivare la loro scintilla, ed è proprio per questo che mi è venuta voglia di parlarne: tocca a voi darmi una mano a capire. Ho voluto raccogliere queste scuse o questi motivi, a seconda di come vorrete classificarli, e visto che oggi mi sono alzato troppo presto e sono sceso dal letto con il piede sbagliato, mi sono preso la libertà di aggiungere le mie considerazioni.

Per facilitarvi la lettura, ho diviso queste scuse in 3 categorie: Problemi con il dispositivo, con la location e gastronomico-organizzativi. Ditemi anche se ne dimentico qualcuno.

PROBLEMI CON IL BARBECUE

1- Vorrei iniziare con un barbecue “più piccolo”

Perché sono le dimensioni a fare la differenza. Come quando si discuteva con papà, con il foglio rosa senza neanche la piegatura, su quale macchina acquistare, mentre invece erano mesi che aveva già adocchiato il catorcio monoposto che ci avrebbe consentito di “fare un po’ di pratica” prima di passare ad una vettura come si deve. Son cose che fanno bene all’autostima e al nostro senso di responsabilità.

2- Bello il kettle ma costa troppo

Chiaro. Un dispositivo in acciaio, porcellanato, che resiste alle intemperie, che se mantenuto pulito e coperto con il suo telo in teflon dura praticamente tutta la vita ma costa un paio di centinaia di euro è sicuramente troppo. Cosa vorrai farci in 20 anni di utilizzo, 2000 cotture? 12 Centesimi a cottura? Riuscendo in preparazioni altrimenti impossibili? Eh sì, è davvero troppo.

3- Gestire il carbone è troppo complicato

Quello è vero. Non so alcuni come facciano a complicarsi la vita. Ho visto fuochisti fieri davanti a griglie che fumavano come e più dei reattori dello shuttle in partenza da Cape Canaveral. Perché è il carbone che è complicato, mica la nostra ostinazione a non voler capire che la cultura dei cibi sul fuoco, in Italia, è ancora preistoria e che tutto ciò che sappiamo va rimesso totalmente in discussione. E visto che io e gli altri miei “fratelli di brace” non abbiamo il minimo problema a gestire i carboni può significare solo una cosa: siamo dei super eroi e ciò mi conforta non poco.

4- Non riesco ad accendere le braci correttamente

Tranquillo. Neanch’io ci riesco nel modo in cui ci stai provando. Ma se anche tu sei un super eroe e proprio non vuoi rinunciare ai tuoi metodi, ascolta un piccolo consiglio: ventagli di legno e asciugacapelli non sono proprio il massimo. Il primo è faticoso mentre il secondo richiede un bel po’ di tempo. Prova con l’arnese per soffiare le foglie, sembra funzioni a dovere. Per gli umani e il resto del mondo c’è il solito, risolutivo, cesto accenditore.

5- Il Barbecue a carbone fa troppo fumo

C’è qualcosa di inesatto in questo: la turbolenza generata dai settecentocinquanta gradi sopra cui metti a cuocere salsicce o costolette di maiale piene di grasso che fonde, si vaporizza e viene sparato nella troposfera alla velocità del suono; quello fa troppo fumo. E fa anche male alla salute. Un utilizzo corretto del kettle non fa più fumo di una pentola o di un forno di pari dimensioni su un qualsiasi fornello. Se si affumica il discorso cambia, ma ciò che si sente nell’aria non è diverso da ciò che esce dai camini o dalle stufe a pellet.

6- Non mi serve il kettle, ll mio BBQ autocostruito è migliore

Ah, sicuro. Chi di noi non si è mai costruito una piastra a induzione, un frigorifero o che ne so, un ferro da stiro? Non abbiamo un kettle ma conosciamo a menadito i principi della termo-dinamica. Niente potrà fermarci. Altre categorie di super eroi. Alcuni bravini, per carità. Ma…

7- Non mi serve il kettle, possiedo un BBQ in muratura

Non solo. Non ti servirà ancora per tanto, tantissimo tempo. Scegliere di acquistare, per svariate centinaia, anche migliaia di euro, un dispositivo totalmente inutile da sfoggiare in giardino, magari accanto alle statue dei sette nani, indica che c’è ancora davvero tanto da fare con te. Però tu non abbatterti, continua a leggere BBQ4All.

PROBLEMI CON LA LOCATION

8- Abito in condominio, ho solo il balcone

Sei sicuro che “non puoi” avere un kettle solo perché abiti in condominio? Io imparerei a memoria questa Bibbia, poi, magari, ci penserei su.

9- Abito in condominio, i miei vicini si lamentano di sicuro

Come sopra.

10- Sporca troppo, meglio il gas, più pratico e comodo

Piccolo esercizio stilistico: prova a non farti la doccia, lavarti i denti, farti la barba e lavarti accuratamente per una decina di settimane. Fai un’intensa attività fisica e mi raccomando, non cambiarti mai gli abiti nel frattempo. Poi vai dalla tua donna e chiedi: “Amore, come mi trovi?
Il Grill và pulito, carbone o gas che sia. Come tutto. Come tutti. Non serve la scienza.
Il Gas è più pratico e comodo? Mah, parliamone.

PROBLEMI GASTRONOMICO-ORGANIZZATIVI

11- Amo la grigliata ma preferisco mangiare più che cucinare

Ti capisco. Come te amo la Boxe ma preferisco guardarla in TV. E del Calcio, ne vogliamo parlare? Sono un CT incompreso. Preferisco gestire, organizzare più che correre in mutande a rincorrere un pallone. Il mio talento va oltre, non posso sprecarlo. È vero, non conosco il suono e il sapore di un cazzotto dritto sul naso, ma è solo un dettaglio; non è mica questo il motivo che mi spinge a lasciarlo fare agli altri.

12- Non saprei da dove iniziare perché non so cucinare

Puoi iniziare dall’avere un kettle e guardarti un po’ intorno. Tutti hanno iniziato, tu potenzialmente, potresti far meglio di tutti noi.

13- La mia compagna non ama i cibi cotti alla griglia

Ah beh, allora non si può. Ovvio. Discussioni, condivisione, umana tolleranza, tutta roba vecchia. Vuoi mettere un bel “Sì Amore, come vuoi tu amore.”? Vi consolerete andando per vetrine, magari a comprare un bel paio di scarpe, perché voi amate accompagnare le fidanzate senza fiatare, vero? Delle vostre passioni chìssene.
Ringrazio il cielo di non aver mai conosciuto Donne così.

14- Non ho abbastanza tempo da passare ai fornelli

Quattro salti in padella Findus o Libro della Parodi, uno a caso. Mangiare bene è un diritto, mica un dovere. Se non hai tempo o se non riesci a trovarlo…

15- Siamo solo in due a casa

Lo sapevi che due porzioni è la quantità di cibo ideale per fare pratica? Una è sempre troppo poca, quattro è spesso impegnativo.

16- I cibi alla griglia fanno male alla salute

Vai al punto nr. 7 senza passare dal via.

17- Il Barbecue non fa per me!

E di certo, se lo dici tu, sarà sicuramente così.

[Crediti | Link: Weber,  BBQ4All | Immagini: BBQ4All]

By | 2017-09-04T20:11:43+00:00 04 settembre 2017|Per Iniziare, Rubriche, Scelti da noi|

About the Author:

Autore del Best Seller "Diventare Grill Master", è fondatore di BBQ4All e mentore del movimento barbecue italiano.

Send this to a friend