Guida ai tagli americani: introduzione

//Guida ai tagli americani: introduzione

Guida ai tagli americani: introduzione

Che noi italiani abbiamo tanto da imparare dai cugini d’oltreoceano sulla carne, è un dato oggettivo.

La prova è il numero di tagli per le sole bistecche di manzo: T-Bone, Porterhouse, New York Strip, Denver Steak, Ribeye. Questi sono solo alcuni delle decine di tagli diversi con cui è possibile ordinare una bistecca, contrariamente alle abitudini del suolo tricolore, dove al di là di fiorentina, tagliata e  filetto c’è ben poco – e vi risparmio il pippone sul fatto che i primi due non siano tagli di carne, ma modi di cuocere e servire una bistecca – che col tempo lo sono diventati in nome della semplicità.

Un esempio di New York strip cotta con la tecnica del fat flashing nelle cucine di BBQ4All

Non stupisce quindi che gran parte dei novizi che si affacciano al mondo del barbecue all’americana, rimangono spaesati e scoraggiati dal forte uso di termini anglosassoni all’interno delle community.

Pensaci, hai appena scoperto BBQ4All, grazie al quale realizzi che quello che hai sempre chiamato barbecue in realtà è una grigliata, e che il barbecue – quello vero – è una cosa completamente diversa.

Corri a mettere mi piace alla community su Facebook pieno di entusiasmo e voglia di imparare, e dopo un oretta passata a scorrere i post ti viene il mal di testa a forza di leggere cose come “foil”, “ribs”, “minion method”, “brisket”.

E devi fare ricorso a tutta la tua pazienza per non mollare tutto e tornare a buttare le salsicce sulla griglia come hai sempre fatto, perché tanto “i miei ospiti mi fanno sempre i complimenti“.

Per le tecniche di cottura più importanti sei già a posto, c’è un intera sezione nel sito, dedicata a questo.

Ma per i tagli di carne?

Ecco a cosa servirà questa serie di articoli – tre in tutto – tramite i quali capirai cos’è una slab di ribs alla St. Louis, o cosa devi chiedere al tuo macellaio se hai voglia di cucinare un brisket.

L’obiettivo di questa piccola guida è fornirti alcune nozioni base, alimentare la tua sete di conoscenza (o scimmia come la chiamano gli addetti ai lavori), e fornirti uno spunto iniziale dal quale continuare in autonomia.

Tutto chiaro, no?

Alex Anghelone

[Link: BBQ4All | Immagini: BBQ4All]

By | 2017-10-26T10:09:52+00:00 26 ottobre 2017|Rubriche, Scelti da noi|

About the Author:

Send this to a friend